Ciao amici eccovi a raccontarvi una nuova avventura della mia pazza gioventù.

Frequento la prima ragioneria presso un collegio privato gestito da suore tedesche e una scelta della famiglia, papá riteneva che avrei avuto una migliore istruzione, oltre a questo c’era il vantaggio che in caso di assenza dei genitori (quando mamma raggiungeva papà,specialmente quando era ai caraibi, sulla nave da crociera che lui comandava) potevo rimanere a dormire nel convitto, per non parlare dell’orario, le lezioni finivano alle quattro.
Affinchè possiate capire quello che vi racconteró, vi descrivo la divisa che dobbiamo indossare a secondo della stagione.
Quel giorno, visto che era il periodo invernale, mutandine e reggiseno bianchi, gonna a pieghe bleú che mi arrivava 4 dita sopra il ginocchio, (si accorciava man mano che si andava avanti con gli anni, alle elementari mi arrivava sotto il ginocchio), camicetta bianca, calzettoni bianchi e scarpe nere, sopra la camicetta un golfino bleù e a coprire il tutto un pesante mantello sempre dello stesso colore, allacciato con un gancio ottonato,all’interno due tasce dove potevamo mettere le mani per tenerlo chiuso in caso di vento e non crediate si potesse trasgredire, specialmente con la biancheria intima,(dove si sarebbe potuto barare) a caso venivamo controllate e guai a non essere in regola.
Per andare al collegio veniva a prenderci un pullman e logicamente a fine lezioni ci riportava a casa.
Quel giorno non presi il pullman del collegio dopo la scuola,dovevo scendere in città per fare una commissione per mamma,perció salii sull’autobus che faceva la linea nord della cittá.
È un tragitto abbastanza lungo.
Viene chiamata linea circolare, in poche parole fa tutta la periferia,però allo stesso modo è molto comodo,l’ultima fermata dista qualche centinaio di metri da casa.
Arriva l’autobus.
Salgo.
Faccio vedere il tesserino dell’abbonamento.
La fermata del collegio è il capolinea,altro vantaggio,non c’è problema di posto.
È mia abitudine sistemarmi verso il fondo, dove si trova il sedile singolo, quello rivolto verso il corridoio.
Non mi siedo, se lo facessi starei male per tutto il viaggio, non so spiegarmi il motivo, ma è così.
Perciò mi metto di fianco, con il viso rivolto verso il finestrino.
Mi piace vedere scorrere il mondo.
Alla terza fermata, la pacchia finisce.
Siamo nella zona dove ci sono gli uffici della provincia.
L’ora coincide con la fine della giornata lavorativa.
L’autobus si riempie come una scatola di sardine, fortunatamente nel mio angolino sono quasi protetta, non vengo pressata più del normale, davanti a me ho ancora un piccolo angolino, in questo modo non vengo schiacciata contro il vetro, quello che sarebbe accaduto se fossi stata sul fondo.
La ressa sarebbe durata parecchio, normalmente fino alla fermata dei giardini, io sarei scesa diverse fermate dopo, come dire circa, 60 di minuti di schiacciamenti.
Pazienza, oramai ci ero abituata succedeva ogni volta che lo prendevo, parlo del bus,maialini.
Mi misi a guardare il mondo esterno che passava davanti agli occhi e mi dimenticai del caotico mondo dell’autobus, con le sue accelerate, frenate, fermate, ripartenze, i sali-scendi e i continui,”permesso”, “permesso devo scendere”.
Piano, piano non sentii più nulla, rapita come ero dalle rapide visioni della sonosciuta vita quotidiana che scorreva al di là del finestrino.
Stavo vivendo in due mondi.
Quello reale dell’autobus, quello irreale del mondo che scorreva come immagini di un film..
Ma come nei film, alla parola fine vieni portata alla realtà.
Pure io lo fui, ma non perchè ero arrivata a destinazione, mancavano parecchie fermate alla mia.
Cosa stava succedendo?
Sentii la mantellina di pesante tessuto bleu aprirsi.
Un istante dopo, una mano mi toccò il ginocchio.
Mi irrigidii, ma non per paura, ma per non sapere cosa fare.
Ma quello che mi soprese maggiorente fù che il primo pensiero che attracersó la mente è stato :
“che mano calda e delicata”.
Nel frattempo quel corpo estraneo non si muoveva.
Aspettava.
Sembrava non avere fretta.
Probabilmente voleva vedere quale era la mia reazione, vedere cosa avrei fatto.
Se accettavo quel tocco o lo respingevo come ignobile intrusione.
In quel momento non sapevo cosa fare, come comportarmi.
Avevo la mente in subbuglio, impegnata a capire da dove venisse quella mano.
Chi poteva essere?.
Da quello che mi raccontavano le compagne di collegio, sapevo che potevi incappare nella cosiddetta, “mano morta”,non ho mai capito perché la chiamano così,quella che era appoggiata sul ginocchio di morto non aveva nulla.
Anche se le consideravo fantasie di ragazzine piene di voglia, una certa curiosità c’è l’avevo e più di una volta pensai cosa avrei fatto se fosse capitato a me.
Eccomi accontentata , stava succedendo.
Dai loro racconti, normalmente la mano si appoggiava sul culo, a volte sui fianchi, ma questa era appoggiata su di un ginocchio.
Tenete conto che ero in piedi e che sono alta un metro e settanta.
Per arrivare lì doveva essere un nano o un bambino.
Mi guardai attorno.
Di nani o bambini, non c’era traccia.
Abbassai lo sguardo.
Vidi il braccio che spariva all’interno della mantella.
Seguìi la parte scoperta.
Veniva dal famoso sedile rivolto verso l’interno.
Quasi scoppiai in una fragorosa risata che riuscii a malapena trattenere.
Il porcello aveva sfilato il braccio dal giaccone che indossava e lo aveva fatto passare da sotto, in questo modo aveva la parte inferiore del mio corpo alla sua portata.
La manica era lì vuota, furbo il maialone
Da quella posizione nessuno poteva notare la mano infilata dentro la mantella,al massimo avrebbero pensato che era senza un braccio.
Nulla da dire il maiale sapeva il fatto suo.
L’uomo aveva il viso rivolto verso l’interno..
Riuscivo a vedere la nuca e una parte del profilo..
Sicuramente era uno degli impiegati provinciali, salito poco prima, altri non erano saliti.
La mano fece un piccolo movimento, sicuramente incoraggiato dal mio silenzio, strinse il ginocchio, poi lo rilasciò, ma non si mosse, non era ancora sicuro di come avrei reagito.
Sicuramente aveva paura, forse era la prima volta che lo faceva o forse era la prima volta con una ragazzina.
Chissa quante volte lo avrà sognato, quante volte si sarà masturbato nell’immaginarlo.
Oppure era un esperto e sapeva come doveva comportarsi, cosa doveva fare, affinchè la vittima non scappasse o si mettesse a gridare.
Sicuramente sia nell’uno o nell’altro caso, aspettava un segnale, un segnale di incoraggiamento o di diniego, lo feci, avvicinai la gamba al sedile, avevo accettato il gioco.
Fu sufficente, la mano si aprì, non aveva più paura che la preda scappasse.
Cominciò una lenta carezza sul ginocchio.
Pensavo salisse, invece scese scese verso il basso, arrivò all’inizio del calzettone.
Palpò per qualche istante il polpaccio, accarezzandolo ritornò al ginocchio, schiacciò con le dita la parte interna, voleva far sentire la propria presenza.
Aprì la mano e in quel momento cominciò la salita, centimetro per centimetro verso la meta prefissata.
La mano ora si trovava sulla coscia, era tutta sua, la carezza si era trasfornata in un vero e proprio palpeggiamento.
Dovetti ammettere che non era volgare ne violento, ma dolce, sensuale, preparatorio.
Andava fino al culmine, fin quasi alla meta, raggiungeva il bordo delle mutandine, poi ritornava verso il basso, risaliva, scendeva, una lenta incredibile sensuale carezza, mi piaceva, lo confesso, mi piaceva, anche se era pazzesca quell’attesa di qualcosa che doveva accadere e non accadeva.
Continuavo a guardare la nuca del misterioso palpeggiatore.
Nessun movimento, agiva come se il braccio non fosse suo, lo sguardo sempre fisso davanti a se.
Si comportava come se su quel sedile ci fossero sedute due persone.
Una che stava palpando la mia coscia, l’altra che da bravo impiegato stava tornando a casa dalla sua famiglia.
Cercai di dargli un’età.
Dalla mia prospettiva, potevo dargli circa 40-50 anni, la sua capigliatura era folta, di colore nero, con qualche capello grigio, nessun segno di calvizie e da quello che potevo indovinare, aveva un bel fisico asciutto, segno che praticava sport, anche se non potevo vedere molto, nascosto come era dal pesante giaccone.
Venni strappata da queste congetture da una sensazione di vuoto, aveva staccato la mano.
Mi venne da urlare di non farlo, fortunatamente quell’urlo risonuò solo nella mia mente.
La sensazione di abbandono duró solo per un attimo, appoggio la mano sull’altra gamba sempre a palmo aperto.
Ora palpava il retro della coscia salendo verso l’alto, arrivo alle mutandine, giocò con il bordo, infilando un dito e tirando un po’.
Sempre con la mano aperta iniziò a palparmi una parte del culetto, la strinse, tirandomi verso di se, in questo modo mi costrinse a voltare il corpo leggermente verso di lui.
Anche il suo corpo fece un leggero monvimento verso il lato dove stavo io.
Ora poteva accarezzarmi in libertà il culo.
Lo fece a mano aperta.
Con un dito alzo il bordo dello slip, vi fece entrare la mano, ora poteva palpare il culo pelle contro pelle, raggiunse il perineo, lo massaggiò.
Dio mio, cominciavo a bagnarmi, sentivo gli umori scendere dal canale vaginale.
Se ne accorse, fece uscire la mano dallo slip.
La chiuse attorno alla coscia.
La tolse.
La riportò sull’altra coscia.
La spinse verso l’alto.
La aprì a palmo, obbligandomi ad aprire le gambe.
La chiuse sulla figa, schiacciandola leggermente.
Inizio ad andare avanti – indietro, sempre a tutto palmo.
L’orgasmo arrivo improvviso, inaspettato, sentii il miele colare, inzuppare le mutandine.
Cristo, uno sconosciuto mi stava palpamdo in mezzo alla gente, ed io invece che scappare o gridare come avrebbe fatto qualsiasi altra ragazza, stavo godendo come non mai.
Sul viso dello sconosciuto apparve un leggero sorriso.
Si il maschio aveva vinto.
Strinse ancora una volta la mano sulla fighetta, tenendola premuta, come volesse fermare l’uscita del magma vaginale.
Infine la tolse.
In quel momento l’autobus si fermò, era arrivato alla fermata dei giardini.
Lo sconosciuto si alzo, non mi degnò nemmeno di uno sguardo, a mezza voce.
“ci vediamo domani”.
Con la manica a penzoloni come fosse un monco, scese e si perse tra la folla.
Rimasi a guardare la porta che si chiudeva chiedemdomi se quello che era accaduto era sogno o realtá.
Ma quella frase l’avevo udita perfettamente, non era fantasia.
L’autobus riprese la corsa, ancora qualche minuto e sarei dovuta scendere pure io.
Per la prima volta mi sedetti, non c’è la facevo, l’orgasmo mi aveva svuotata.
Fortunatamente ci fu un piccolo imgorgo mettendoci qualche minuto in piú a raggiungere la mia fermata, in questo modo potei riprendermi.
Scesi, le gambe mi tremavano.
Mi avviai verso casa.
Dovevo fare qualche centinaio di metri per arrivarci.
Mentre camminavo immersa nei miei pensieri, la diavoletta che era in me, fece una domanda.
“ehi! guarda che lo sconosciuto dell’autonus domani ti aspetta”..
“stai zitta, cosa ne sai tu, ha provato, gli è andata bene, non lo vedrò più”.
“ne sei sicura?”.
“si, lo sono”.
“allora visto che sei così sicura, perchè non prendi lo stesso l’autobus domani?”.
“si e mi faccio il giro della città, per niente?”.
“che te ne frega,al massimo ti sarai fatta un giro turistico, credimi non farai il giro della città per niente, lo farai per ritrovare lui”.
“oh! ma sei proprio fissata e chi ti dice che desidero rivederlo”.
“dai che lo desideri anche tu, sii sincera, basta vedere quanto sei bagnata”..
Si aveva ragione, avrei voluto reincontrarlo.

Cosa ho fatto il giorno dopo?..
Lo saprete se continuerete a leggermi e se vi sará piciuta la prima parte.
Per oggi non aggiungo altro se non un lungo bacio dove desiderate.

…continua…
Visualizzazioni: 6 496 Aggiunto: 4 anni fa Utente:
Categorie: Etero