Non sono mai stata una frequentatrice delle palestre, dato al tempo almeno, essendo in età dello sviluppo fisico, avevo già un corpo femminile e con le curve al posto giusto, ma mi iscrissi lo stesso per curiosità, ad una palestraq che aveva aperto da poco non lontana da dove abitavo, forse per curiosità di vedere chi la frequentasse, forse perchè, avevo sentito da voci che era una palestra per soli uomini, mi ero convinta a provarla. anche se il mio aspetto era molto femminile, rimanevo sempre un maschietto, e anche se al momento dell'iscrizione, l'uomo di mezza età, mi guardò con sospetto, non fece problemi ad iscrivermi pagando una quota, e dandomi un depliant con orari di apertura e le varie tecniche di ginnastica che avrei potuto scegliere. notando che il posto era aperto fino a sera tardi, optai per fare la mia prima visita al posto, proprio verso sera, prima dell'orario di chiusura, dove speravo di trovare meno gente e piu' intimità. l'istruttore, un colosso di uomo chiamato Rudy, alto quasi due metri con una corporatura da atleta, mi accolse calorosamente, e dopo essermi cambiata dell'apposito spogliatoio, con la mia tutina da Stretching molto anni 80, fascetta rosa di spugna sulla fronte, capelli legati a coda, truccata, la tutina altro non era che un semplice body intero, che terminava sotto le parti intime. con la scollatura davanti e dietro, e le classiche spalline bretelle a tenere su il tutto, scarpe da tennis bianche con para di gomma sotto, calzettoni in spugna colorati fluorescenti moolto anni 80. bracciali di spugna sui polsi tipo polsiere, sempre rosa scocking come tutto il completino. non si puo dire che non davo nell'occhio conciata cosi', ma essendo sempre stata una esibizionista, mi piaceva farmi guardare e a me andava benissimo com'ero. vidi che anche Rudy l'allenatore, apprezzava, difatti mi fece i complimenti per la mia mise dandomi una sonora pacca sulle chiappe, che mi fece sobbalzare. quello era il suo modo di interagire, e imparai ben presto a non farci caso, anche se alla prima pacca, mi aveva fatto male, con quelle manone grosse che sembravano di pietra. fortunatamente avevo scelto l'orario giusto, infatti entrata con Rudy in palestra, uno stanzone lungo e largo pieno di attrezzi ginnici, vidi solo qualche ragazzo intento a sudare sulle panche solleva pesi, un'altro era su un tapiruland che correva sbuffando, e un signore sui cinquant'anni, con una vistosa pancetta, che cercava di buttar giu, stava sudando con degli esercizi per gli addominali. tutto l'ambiente puzzava di sudore, ovviamente non eravamo li per farci i profumi ma per suidare e rassodare il fisico, logico si sudasse parecchio. una grossa turbina che girava sul centro del tetto, doveva assorbire gli odori, ma era evidente facesse ben poco. chiesi dunque al mio istruttore, quale fosse il mio primo compito, lui mi guardò bene, e mi disse che fortunatamente per me non avevo bisogno di rassodarmi, dato ero già bella cosi', ma dato ero esile non mi avrebbe fatto male, potenziare un po la mia muscolatura. mi fece dunque iniziare dal Tapirulan, me lo accese vicino al ragazzo che sudava da un bel po, e iniziai la mia corsetta, attaccata al manubrio, intanto mi guardai intorno, l'uomo panciuto mi fissava sorridendomi e piu volte mi aveva fatto un Ciao con la sua mano. gli risposi una sola volta, poi lo ignorai per il resto dellaq seduta. mi concentrai di piu invece sull'istruttore Rudy, lo guardai meglio, doveva avere avuto sulla trentina, quarantina d'anni al massimo, era un bel ragazzone atletico muscoloso capello corto, viso liscio senza un filo di barba ne peli sul corpo, liscissimo, con un paio di boxer e una canotta stretta, che gli faceva risaltare i pettorali scolpiti. non mi sono mai piaciuti i tipi palestrati devo esser sincera, ma quel tipo non so perchè, attirava la mia curiosità. ogni tanto si accorgeva che lo fissavo, e a quel punto, giravo la testa altrove, facendo finta di ignorarlo, ma temo si fosse accorto lo fissassi. dopo il tapirulan, mi toccò fare la panca degli addominali, stendermi e rialzarmi era faticoso,non ero una che faticava spesso fisicamente, e mi stancai ben presto, cercando piu volte di tirare il fiato e riposarmi. inutile dire, che Rudy non appena mi vedeva ferma, mi stava appiccicata per farmi riprendere gli allenamenti senza darmi sosta. era un gendarmo sotto quell'aspetto. l'uomo panciuto stava tornando negli spogliatoi, e mentre andava verso la porta, continuava a fissarmi, lo ignorai, gli altri due ragazzi invece erano ancora li a faticare. Rudy mi si avvicinò e mi fece stoppare l'esercizio, 'Ok per stasera basta cosi' dai, devo chiudere.. riprenderai la prossima volta' mi ha detto, mentre riprendevo fiato. ero un bagno di sudore, i lunghi capelli a coda, mi si erano appiccicati alla schiena, il trucco mi era quasi del tutto sparito dal viso. presi il mio asciugamano, e a gambe che a stento mi reggevano, mi avviai verso lo spogliatoio dove avrei fatto una bella doccia prima di uscire e rincasare. si era fatta una certa,ed ero stanchissima per la faticata fatta. arrivata nello spogliatoio, vidi l'uomo cicciotto che già vestito e pronto per uscire si era messo li seduto ad attendermi, mi salutò per la prima volta con la sua voce. gli risposi abozzandogli un mezzo sorriso. 'Ti ha messa sotto eh?' mi fa il tizio, riferendosi alla faticata fatta. 'Eh si...' ho risposto, 'Non sono abituata a faticare cosi'...' 'Tutta salute...' ha ribattuto lui. lo guardai e gli sorrisi, prendendo il mio accappatoio dalla borsa e andando verso la doccia. a quel punto l'uomo ha tirato fuori la sua carta e ha detto ' Posso ... mi permetti di insaponarti la schiena?' stavo per dargli un No secco, ma poi ho pensato, che poteva essere divertente tutto sommato, dopo una faticata simile, un po di distrazione ci stava pure, cosi' gli risposi 'Perchè No? Vieni pure Caro...' l'uomo non se lo e certo fatto ripetere, si e tolto il giaccone, si e messo in boxer spogliandosi quasi nudo, in un baleno, e si fiondò insieme a me alle doccie. quando mi tolsi il Tutino e rimasi nuda, sciogliendomi i lunghissimi capelli, l'uomo non si trattenne, e mi fece i complimenti 'Sei Stupenda, hai un fisico da vera Donna'. lo ringraziai, mentre facevo scorrere l'acqua calda, e iniziai a bagnarmi. l'uomo si fece avanti con il sapone, prima timidamente, poi a piene mani, iniziò a massaggiarmi la schiena, scendendo per i fianchi, le coscie e si soffermò a lungo sulle mie natiche. le sue mani con il sapone, non mi furono proprio indifferenti, e il mio bel pisello si era indurito non a caso, l'uomo lo vide, me lo prese in mano, lasciando cadere il sapone e masturbandomi tenendosi attaccato a me. iniziai a gemere ad occhi chiusi, mentre anche l'uomo si era lasciato andare mettendomi il suo cazzo duro tra le mani, ci masturbammo a vicenda e sbrorrammo in pochi secondi. senza nemmeno preoccuparci di Rudy o degli altri due ragazzi che erano di la in palestra ancora a terminare gli allenamenti. l'uomo si ricompose, e disse mi avrebbe aspettata fuori dallo spogliatoio. terminai di lavarmi, mi asciugai mi rivestii ed uscii finalmente dallo spogliatoio, dove i due ragazzi ora invece entravano finiti gli allenamenti. incrociai Rudy, che mi guardò fisso, temetti mi avesse scoperta, e temevo una sonora sgridata, invece il ragazzone muscoloso, si fece una sonora risata mi diede la solita pacca sul culo, e mi disse alla prossima lezione.uscii dalla palestra che ra già buio, l'uomo si offri' di darmi un passaggio con la sua auto, accettai, infondo era un brav'uomo, nonostante non fosse una gran bellezza, era un po stempiato, niente barba, portava gli occhiali da vista, e anche se aveva un panciotto da buttar giu, per il resto non era un brutto uomo, aveva un bel cazzo lungo e duro, e sotto la doccia me lo ero preso bene in mano tastandolo per benino. arrivati sotto casa mia, lo invitai a salire, lui ovviamente accettò. Guardai l'ora, erano le 22:30 di sera, non tardissimo ma abbastanza tardi. chiusa la porta di casa, lo portai a visitare la mia camera da letto con il lettone matrimoniale a due piazze. li senza bisogno di dire altro, ci spogliammo a vicenda, ci mettemmo sul lettone, e iniziammo a darci dentro. l'uomo sembrava infoiato dalla mia bellezza, mi baciò con passione sulla bocca, prima di offrirmi nuovamente il suo bel cazzo per un pompino da urlo, che a momenti lo fece sbrodolare nuovamente. si trattenne a stento il poveretto. la mia bocca non perdona. tirai fuori il preservativo da una scatoletta che non usavo mai a dire il vero, accanto al letto sul comodino destro, e vidi l'uomo un po contrariato, aveva storto il naso, cosi' gli chiesi: 'Se ti fidi non lo usiamo... dimmi tu per me e uguale sai.' l'uomo dopo aver tentennato un'attimo non lo volle, e lo lasciammo dentro la scatoletta ancora piena. mi fece voltare e mi sdraiai su un fianco al centro del lettone, appoggiata con il braccio piegato, lui si mise dietro di me, alzandomi una gamba, e piano piano, mi fece scivolare la sua grossa cappella, dentro al culetto che la accolse dolcemente entrando fino alle palle pelose di lui. sospirai, voltando la testa e ci baciammo, poi l'uomo fece il suo dovere di Maschio, e iniziò a stantuffarmi avanti e indietro mentre io ad occhi chiusi,alla luce fioca della abajour, godevo come una vaccona. andare in palestra alla fine, si stava rivelando una cosa positiva mi dissi tra me, mentre gemevo dal piacere. l'uomo nonostante non fosse un Toro, sapeva scopare davvero bene, e sembrava anche resistente, cosa che non avevo creduto quando in doccia era venuto quasi subito, li invece, stava durando parecchio. avevo un Telefono Cordless proprio sopra la testiera del letto, che iniziò a squillare. chi diavolo poteva essere a quell'ora poi? nemmeno per un'attimo, potei pensare fosse Mia Mamma, dato non ci sentivamo mai a quelle ore, a parte qualche rara occasione. senza che l'uomo si fermasse, allungai il braccio destro, presi il Telefono e risposi. 'Pro...ntooo... Si?' Una voce a me familiare, mi fece riconoscere al Volo Mamma. sembra che avesse un Radar a chiamarmi ogni qualvolta, mi stavo facendo rompere il sederino da un'uomo. 'Ciao Cara' le risposi, 'Come Stai...' Mamma disse che mi stava giusto pensando, ma non immaginava, che potevo essere occupata a farmi sfondare da qualcuno però. dopo i soliti convenevoli, le dissi che mi ero iscritta in palesta, 'Sai devo mantenermi Bella per i miei Uomini' le ho detto scherzando ma nemmeno troppo. Mamma ci rise sopra, e volle sapere com'era andata la prima volta e che esercizi mi avessero fatto fare. 'Piu che altro, esercizi da camera da letto' le risposi io sempre con Ironia. intanto l'uomo eccitato dal fatto che stessi al telefono con mia Madre, ci stava dando dentro, facendomi sospirare non poco, e cosi' ecco che Mamma iniziò a percepire e capire che avevo compagnia, infatti mi chiese esplicitamente se avessi qualcuno li vicino. le Risposi 'Piu che vicino, lo ho dietro che... mi... sta....' non fini' la frase che l'uomo mi lavò l'intestino con un litro di sperma bollente, venendo con un gemito e un sospirone 'Troiaaaa' ha sussurrato mentre veniva il maiale. mentre, cercavo di rimanere al telefono con Mamma, l'uomo in tutta fretta si ricompose, e usci' da casa mia. io invece ancora mezza nuda, tornai sul lettone a terminare la telefonata. 'Mamma e stato fantastico... ' le raccontai dell'uomo che aveva appena lasciato casa mia, cosa avevamo fatto sotto la doccia della palestra, e cosa aveva appena terminato men tre ero al telefono con lei. Mamma era in vena buona, e non mi sgridò come faceva sempre in quelle occasioni, ma volle sapere chi fosse quell'uomo. le spiegai che nemmeno lo conoscevo, mi aveva rimorchiata lui in palestra,e che nonostante l'età e un po di pancia, era un bell'uomo e aveva un cazzo lungo e duro, che mi aveva prima aperta per beneino, poi riempita di calda sperma, che ancora mi colava fuori dal buchetto slabbrato. quando Maamera in vena di buon uomore, le si poteva raccontare di tutto e di piu'. era una favola poter conversare con lei in quei momenti. quando la beccavo di cattivo umore, erano sempre sonore urlate e sgridate che mi faceva. per quella sera, mi beccai Mamma allo stato buono, e potei condividere con lei la mia esperienza appena terminata, tanto che mi masturbai anchio e sbrodolai sulle lenzuola mentre le descrivevo invece il mio istruttore Rudy. le dissi che volevo provare a stuzzicarlo,e vedere se potevo farmi sfondare anche da lui, chissà che bel cazzo doveva avere un ragazzo cosi' muscoloso. Mamma mi mise sull'attenti, di non far guai e di non combinarne una delle mie solite, ma la rassicurai. qualche giorno dopo, tornai sempre di sera alla palestra, avevo preso l'abitudine di andarci in serale per evitare appunto la confusione del pomeriggio. appena entrata, ecco il Rudy accogliermi con la solita pacca sul culo e dirmi, 'Ben Trovata signorina, pronta per una faticata? stasera ti metto sotto', la sua frase meritò una ribattuta e gli risposi a tono 'Magari... io preferisco sopra però...' il ragazzo scoppiò a ridere dicendomi, 'Vai sulla panca che adesso arrivo'. intanto notai l'uomo che mi aveva scopata qualche sera prima, salutarmi e mandarmi un bacio, gli sorrisi, e come al solito lo ignorai per tutta la durata dell'allenamento. lui invece mi teneva sempre gli occhi addosso, e credo fosse anche un po geloso di Rudy, che nel farmi fare gli esercizi, mi tastava e mi teneva stratta, a volte da dietro mi prendeva per i fianchi, e sentivo un brivido sulla schiena, a volte mi teneva le braccia o mi sollevava le gambe, e la cosa mi eccitava parecchio. l'uomo panciuto, dovette accorgersi della mia eccitazione, ogni volta che l'istruttore mi toccava. al tapirulan notai un nuovo arrivato, ma non quei due della volta scorsa. terminata la sessione di allenamenti, ero come la volta scorsa un bagno di sudore e stanchezza. sentii la voce squillante di Rudy urlare ' OK Stoooop per stasera e tutto, le doccie vi aspettano, Buona serata'. intanto che presi il mio asciugamano, per detergermi il sudore, l'uomo panciuto mi si avvicinò salutandomi. lo salutai con un sospiro, ero senza fiato. 'Mi Inviti ancora da te Cara?' ha detto quello, ma stavolta feci una smorfia, inventai una scusa che ero assai stanca, e che avevo dormito poco la notte prima, magari un'altra volta. l'uomo ci rimase male, ma non insistette. mi lasciò andare alle doccie e non mi segui'. mi lavai stavolta in fretta senza intrattenermi come avevo fatto la prima volta, ero stanca davvero, alla fine non gli avevo raccontato una balla, mi sentivo assonnata ed esausta, e avevo solamente voglia di rincasare e mettermi a dormire. l'amore poteva aspettare a sto giro. fu una visita inaspettata dell'Istruttore sotto la doccia a farmi velocemente cambiar piano per quella serata. di solito il ragazzo non sudando non faceva mai la doccia e non usava mai la doccia comune almeno che io sapessi, ero li da poco e non conoscevo le regole del posto. appena lo vidi nudo completamente, camminare verso di me in doccia, mi e preso un colpo. aveva il cazzo in erezione, ed era il doppio per larghezza e lunghezza di quello dell'uomo che mi faceva la corte. caspita che Toro da Monta, mi son detta mentre lo fissavo e mi insaponavo. il ragazzo mi si avvicinò e disse 'Oh chiappe D'oro...'mi aveva ribattezzata cosi', non conoscendo il mio nome,'Ancora sotto la doccia stai? Forza dai un po di energia' mi ha detto scherzando e sorridendo, gli tirai dietro un po d'acqua e gli risposi a tono 'Scemo... non mi hai fatta soffrire abbastanza stasera?' il Ragazzo se la rise e rispose 'Sei bella ma troppo molle, devi imparare a tonifiocare i muscoli o voli via con una spinta'. ho preso la palla al balzo e gli ho ribattuto: 'Perchè non provi tu... a darmela la spinta, magari con te volo in un altro modo chissà'. lo stavo chiaramente stuzzicando con i doppi sensi, che infatti non sfuggirono al Ragazzo. mentre indossavo l'accappatoio, lui si insaponava sotto la doccia, mi guardò e disse, 'Aspettami fuori che parliamo un po'. non potevo crederci, gli feci l'Ok con la manina smaltata e andai a sistemarmi, una volta pronta e rivestita, lo aspettai fuori dalla palestra, dove l'uomo panciuto mi chiese se volessi un passaggio fino a casa, lo ringraziai ma risposi che stasera mi accompagnava Rudy. l'uomo sconsolato e un po infastidito sali' sulla sua auto e sgommò via. quando Rudy usci' chiudendo la saracinesca della palestra, mi chiese se volessi uno strappo fino a casa, accettai ovviamente con piacere. aveva una bella macchina grande e spaziosa, intanto che facevamo il tragitto per casa mia, gli chiesi cosa ne pensasse di me. il ragazzo mi guardò, e rispose 'Sei Carina hai un bel corpo, e potresti piacermi'. se la tirava un po, ma era fatto cosi', non mi infastidiva quella sua aria da sbruffoncello. gli chiesi se volesse fermarsi un attimo da me o se aveva fretta. mi rispose che non aveva impegni, e accettava volentieri l'invito. Era Fatta. arrivati su da me, lo feci entrare, lo condussi in camera da letto alla luce soffusa della abajour, e lo invitai a spogliarsi. il ragazzo non si fece affatto pregare, si mise nudo in pochi secondi, e mi raggiunse sul lettone. provai a scherzarci su per rompere la tensione che si era creata: 'Ti devo chiamare anche qui Coach?' gli dissi, lui sorrise offrendomi il suo bel cazzo già bello in tiro e rispose 'Stronzetta, dai fammi vedere cosa sai fare'. non ho avuto problemi a prendere in pugno il suo grosso cazzo, e a infilarmelo tutto in gola succhiandolo, scostandomi i lunghi capelli da un lato del viso. intanto che lo succhiavo, non potei fare a meno di notare quante vene in evidenza avesse il suo bel cazzo, e non solo quello, con gli occhi, scorsi velocemente il suo corpo nudo muscoloso, era duro come il marmo, aveva dei lineamenti scolpiti come se fossero stati disegnati. mi chiesi che razza di esercizi avesse mai potuto fare per far diventare il suo corpo cosi', o se quell'ammasso muscolare, non fosse solo il frutto di anabolizzanti. intanto che facevo questi ragionamenti, il ragazzo sembrava apprezzare la mia bocca, e con una manona mi schiacciò la testa su e giu dandomi lui il ritmo da seguire. come ripeto, i palestrati non mi son mai piaciuti, ma quell'esperienza con il mio istruttore, mi piacque davvero molto. il ragazzo era il classico tipo un po rude ma gentile, un po stronzo e vanitoso dei suoi muscoli, ma infondo buono e se ci mettiamo che era pure ben dotato, il quadretto si completa da se. era davvero resistente, devo ammetterlo, in pochi sapevano resistere ad un mio pompino, senza scaricarmi in gola un litro di sborra calda. questo sembrava sfidarmi e durare a lungo. meglio cosi' mi dissi, sarà piu divertente. il tipo mi fece poi mettere quasi sdraiata tipo a pecorina ma con la faccia contro il cuscino del lettone, culo sollevato e gambe larghe, gli chiesi se mi doveva scopare, o se stesse preparandosi ad una delle sue lezioni ginniche, il ragazzo rise e mi sculacciò facendomi pure male, aveva delle mani pesantissime, che al solo toccarti ti lasciavano il segno. mi lasciò lo stapo delle cinque dita rosse sulle chiappe bianche e liscie. mi prese per i fianchi, puntò la sua grossa e turgida cappella dritta le mie natiche, e spinse poco alla volta, stando attento a non farmi male. come dicevo, era stronzo,vanitoso,anche un po rude, ma sapeva quando essere anche gentile e attento. alla fine ero una sua allieva, e doveva anche fuori dalla palestra portarmi rispetto. ho sentito quella grossa cappella aprirmi letteralmente in due le chiappe e farsi largo dentro di me,fino a che, affondò un secondo colpo, che fece entrare quasi tutto il suo cazzo nel mio culetto. ho chiuso gli occhi, e non ho potuto trattenere un gemito di piacere. il porco mi ha quindi presa per bene e ha iniziato a muoverlo stantuffandomi a dovere avanti e indietro, mentre morivo proprio dal piacere gemento sospirando e ansimando continuamente ad ogni sua spinta. fare dei paragoni a quel punto mi sembrava da stronza, ma dovendo paragonare il piacere che mi stava facendo provare il Coach, e quello provato la sera prima con l'uomo panciuto, era come paragonare una ferrari testa rossa, ad un catorcio da rottamare. non voglio dire che l'uomo panciuto non mi avesse fatta godere chiariamolo, certo che la differenza di misure e di vigore fisico, si sentiva eccome. mi sollevai a pecorina, voltando la testa verso di lui, appoggiai la mano sinistra allungando il braccio sul suo pettorale duro, che brividi provai, poi lo baciai sulla bocca mentre il porco mi stava rompendo il culo sempre piu forte facendomi urlare come una vacca. sborrai per la prima volta, sporcando il lenzuolo, ma non ci fermammo. avevo i capelli sul viso, lui me li raccolse a coda, e come fossi stata la sua cavalla con le briglie, mi tirò per i capelli mentre mi lacerava le chiappe a colpi di cazzo. urlai ancora dal piacere e un po dal dolore. era tardi, e mi domandai i vicini di casa cosa potessero pensare, dato avevo le pareti comunicanti con l'appartamento accanto al mio sottili dove ogni minimo rumore si poteva udire chiaramente stando in silenzio, e in quel momento rumori forti non ve ne erano, a parte io che gemevo urlavo e sospiravo. credo che chi abitasse li accanto, quelle sere, avesse assistito ad un bel concerto di piacere sessuale. alla fine accanto alla mia porta abitavano dei ragazzi Neri, con cui avevo già piu volte fatto conoscenza, quindi anche se mi sentivano godere poco mi importava, anzi, speravo venissero ad unirsi al mio istruttore. si dice sempre 'Attento a ciò che desideri, potrebbe avverarsi'.... dopo un po di stantuffate con urli sospiri gemiti di piacere, ecco il famoso desiderio che si avvera. suonarono alla porta un paio di volte. il Coach, si fermò senza togliermi il cazzo di dentro però, lo guardai e gli chiesi che dovevo fare. probabilmente gli dissi, erano i ragazzi dell'appartamento accanto, che venivano a lamentarsi del baccano che facevo. il ragazzo ci pensò su un secondo, e al terzo squillo di campanello, mi chiese se la porta fosse aperta, non ricordavo di averla chiusa a chiave, quindi risposi che probabilmente lo era. il ragazzo quindi urlò 'AVANTI... ENTRATE... LA PORTA E APERTA'. adesso si era messo pure a comandare in casa mia, mi chiesi che intenzione avesse, ma forse lo avevo già compreso. la porta si apri', e delle voci di Extracomunitari che parlavano un italiano alla buona risposero 'Perimiesso....' sentimmo chiudere la porta nuovamente, e in pochi secondi, due ragazzi neri che ben conoscevo fecero capolino sulla porta della camera da letto, beccandomi ancora alla pecorina, con il cazzo del Coach ancora infilato dentro. 'Ciao Scussa... ma fati troppi casini... se sentie tutto di la...' furono le parole di uno dei due neri. cercai di scusarmi, ma il Coach non mi fece parlare e prese lui la parola 'Volete unirvi a noi? dai ce posto anche per voi...' sulle prime i due rifiutarono, tentennando, 'Ce amici de la che dormino... fare piani, scopare piani.' ma al nuovo invito del Coach, uno dei due si tolse maglietta e pantaloni e fu nudo in un secondo, mentre l'altro gli diceva qualcosa nella sua lingua. quello nudo gli rispose sempre senza che ne io ne il mio istruttore, capissimo una sola parola, poi anche l'altro si convinse, disse solo 'Ok' e si denudò pure lui, salirono sul lettone insieme a noi, e si misero davanti a me in piedi sul letto con i loro bei cazzi duri da farmi assaggiare. ne imboccai uno, poi cercai di masturbare con una mano l'altro reggendomi con l'altro braccio, mentre il Coach aveva ripreso a stantuffarmi. l'istruttore sembrava divertirsi molto piu di me adesso, mentre io ero occupatissima e concentratissima a fare il mio dovere di Troia con tutti e tre. senza preavviso, il Coach, sfilò tutto d'un tratto il suo bel cazzo dal mio culo ormai bello slabbrato e aperto, facendomi bruciare terribilmente il buchetto. a fatica e riuscito a farmi cambiar posizione, dato avevo le gambe intorpidite, mi fece mettere sdraiata su un fianco, lasciò spazio a uno dei due vicini di casa Neri, che prese posto senza fiatare dietro di me, alzandomi una gamba, e infilandomi il suo cazzo dentro. non ho sentito dolore, ma solo un po di fastidioso bruciore, prima di tornare a godere mentre masturbavo con la mano libera l'altro ragazzo nero e imboccavo il grosso cazzo del Coach che fino a poco prima era stato dentro al mio culo e portava ancora il sapore dei miei umori. chiariamoci, sono sempre stata una pulitissima, e mi son sempre pulita bene prima di farmi scopare chiaramente, ma riuscendo anche a godere di culo, ogni tanto qualche liquido riuscivo a emetterlo da dietro oltre che davanti ovviamente. e adesso ne stavo assaggiando il sapore sul cazzo del mio istruttore, mentre il nero mi pompava come un toro da dietro. rieccomi a urlare gemere e godere forte, ma stavolta sembra che non interessasse ai due neri, che urlassi e disturbassi i loro amici dall'altra parte. i due si diedero il cambio e poco dopo anche l'altro mi fu dentro a pomparmi sempre nella stessa posizione con la gamba alzata, e draiata sul fianco nel lettone. sborrai per la seconda volta. stavolta il Coach se ne accorse, raccolse la mia sperma, e me la fece leccare dalla sua manona. era uno spettacolo vederli tutti e tre nudi addosso a me, i due vicini neri erano stupendi e il fisico muscoloso del mio istruttore, aggiungeva bellezza a splendore. era come avere dei bronzi di riace tutti per me. un sogno davvero, che avrei voluto condividere pure con mia Mamma. chissà se l'avrei trovata sveglia a quell'ora, e chissà se sarei anche stavolta riuscita a tenerla inchiodata al telefono mentre venivo sfondata da quei tre ragazzi meravigliosi e nudi. chiesi al mio Coach, di passarmi il cordless che c'era a pochi centimetyri da noi sulla testiera del lettone. il ragazzo mi chiese a cosa mi servisse, era incredibile quanto stronzo fosse però, voleva comandare e farsi i cazzi miei a casa mia. gli dissi che volevo tentare di chiamare Mia Mamma, il Ragazzo sempre piu stronzetto, mi chiese dove si trovasse il numero, che la chiamava lui, io non dovevo distrarmi e pensare ai due neri che avevo addosso. trovato il numero in rubrica, compose e attese gli squilli. Uno... Due.. Tre.. Quattro.. Cinque.. al sesto squillo, finalmente Mamma rispose 'Si? Pronto?' fece lei, l'istruttore mise il viva voce, e parlò lui per primo, chiedendo come si chiamasse mia mamma. gli sussurrai il Nome quasi gemendo dal piacere, e il maiale a voce alta disse: 'Pronto? Buonasera signora Maria... mi chiamo Rudy, sono l'istruttore della palestra che frequenta sua Figlia Greta... La disturbiamo per caso?' il maiale cercava di esser gentile, ma non sapevo dove volesse arrivare. 'Senta.. volevo solo farle sapere, e mi scusi il linguaggio Quanto e Troia sua Figlia...' Mamma volle a quel punto, sapere che stessi combinando,sembrava piu' preoccupata che Incazzata. Rudy continuò 'Presto detto Signora, Greta non solo mi ha invitata a casa sua per farsi aprire il sederino da me, ma e attualmente impegnata con i suoi due vicini Neri, senta lei stessa...' poi si rivolse a me sussurrandomi con un sorrisone da stronzone beffardo 'Dai Cara, fai ascoltare alla Mammina quanto ti stanno facendo Godere...' cercai di tratteneremi, ma il nero dietro di me, iniziò a darmi dei colpi secchi dentro al culo, che mi fece sobbalzare, e inevitabilmente urlai e gemetti di piacere. 'Dai Continua...' diceva Rudy rivolto a me, 'Mamma ti ascolta, non volevi chiamarla?' certo che era un bel bastardo, ma glielo potevo concedere, infondo era quello che volevo e cercavo alla fine, stavo impazzendo dal piacere, e a quel punto perchè prendersela? potevo stare invece al gioco, e cosi' feci, iniziai a lasciarmi andare meglio che potevo urlando sospirando gemendo, a quel punto Rudy il Coach, intervenne nuovamente 'Sta ascoltando Signora Maria? Certo che ha partorito proprio una Figlia TROIA...' e lo disse urlando verso di me. la mia eccitazione aveva oramai superato il limite, e sborrai nuovamente spruzzando come una fonfana, mentre da dietro i due neri si davano da fare a rompermi quello che mi era rimasto del povero Culetto. non ricordo esattamente cosa Mamma rispose a quelle affermazioni di Rudy, capirete perchè non possa ricordarle, ero impegnata testa e corpo a godere come una Puttana da Strada, figurarsi se mi possa ricordare cosa Mamma disse in quel momento. ricordo invece, il Coach che continuava a sputtanarmi al telefono con lei, ripetendole piu volte che Vacca e che Troia schifosa fossi. non ricordo di aver mai sentito tante parolacce dette una sola sera rivolte a me, e ascoltate da Mia Madre. ma vi assicuro che andò proprio a quel modo.Credo ma non ne sono sicura, di aver udito dal vivavoce del Cordless, Mamma dire che voleva parlare con me, e che non avrebbe ascoltato altre parolacce, uscire dalla bocca di quel Ragazzo. ma come ripeto non ne sono sicura, dato ero troppo in estasi dal piacere per prestare attenzione a quello che Mamma diceva o urlava al Telefono con Rudy. ricordo invece che i due Vicini neri, finalmente si svuotarono dopo avermi ridotto il culo in pezzi con i loro bei cazzi neri, e avermi fatta diventare afona, a forza di urlare gemere e godere, avevo anche perso mezza voce. quando un fiotto di calda sperma mi lavò l'intestino, capii, che uno dei due neri si stava finalmente svuotando dentro di me, mentre l'altro nero era davanti al mio viso con il suo bel cazzo nella mia gola, e anche lui si scaricò, svuotandosi le palle e obbligandomi ad ingoiare tutto il seme. Il palestrato del Coach invece, continuava la sua malsana conversazione con Mamma, raccontandole per filo e per segno cosa mi stavano facendo i due Vicini di casa. 'Siamo Arrivati al termine Signora, ecco che la stanno riempiendo di sperma, uuuuuh come ingoia tutto sta Vacca, dovrebbe vederla sa.... che Figlia che ha signora Maria, davvero una Gran Puttana, e dovrebbe esserne orgogliosa'. non so fino a che punto Mamma ascoltò tutte quelle cose, dato non la sentivo piu, ma sono certa che almeno in parte le abbia ascoltate. Rudy all'improvviso disse 'Ora la saluto signora Maria, e stato un paicere conoscerla, finisco di riempire La Greta e poi ce ne andiamo tutti a dormire'. detto questo chiuse bruscamente la chiamata, gettando il Cordless a lato del letto, segandosi sulla mia faccia fino a che non e venuto riempiendomi pure lui, in piedi sul lettone, mentre con una manona delle sue, mi teneva ferma la testa. ero esausta morta, piena da ogni lato di sperma sia dentro al culo, che fuori, mentre i tre scendevano dal lettone, filando in bagno a lavarsi senza dirmi nemmeno una parola,lasciandomi li immezzo alle lenzuola bagnate e sporche di sperma loro. si son rivestiti in tutta fretta, e prima di uscire dalla porta d'ingresso, Rudy mi salutò cosi': 'Ah grazie dell'invito, ci vediamo domani sera in palestra Troietta'. gli altri due neri manco si degnarono di aprire bocca, seguendo il Coach fuori e chiudendosi la porta dietro di se. io rimasi li sfiancata piena di sperma, con il fiato corto, senza voce, credo mi addormentai pure, perchè mi svegliai la mattina dopo che era già l'alba. la prima cosa che feci appena ridestata, fu sapere se avevo sognato o se era successo realmente. provai ad alzarmi, e il culetto mi doleva tantissimo, mi passai una mano e vidi che era slargato tanto da farci entrare la mano intera fino al polso. non ho mai sopportato la pratica del Fisting, quindi schifata, lasciai perdere, e cercai come potevo di alzarmi e sistemare tutto, letto compreso. una volta rinsavita e sistemata, anche se ancora dolorante, mi posi il problema Mamma, di come avessi fatto per giustificarmi, stavolta credo l'avrebbe presa assai male, e mi sforzai senza riuscirci, di trovare una qualsiasi scusa plausibile per quello che era successo quella notte. in palestra non ci tornai piu, non volevo rivedere quel bastardo di Rudy, anche se mi aveva fatta godere come mai avevo goduto prima d'ora, si era comportato malissimo in casa mia. e non glielo avrei certo perdonato. un minimo di rispetto ci deve sempre essere, a quel punto preferi' ripensare alle maniere gentili dell'uomo panciuto cinquantenne, che ai modi sgarbati e incvili, del ragazzo palestrato. non avevo il coraggio di affrontare Mamma, e temetti di averla persa una volta per tutte. dopo quello che aveva ascoltato su di me, come potevo tornare a parlargli? fu lei a togliermi il pensiero, chiamandomi quella mattina sul tardi, verso l'ora di pranzo. quando alzai la cornetta del telefono, quasi balbettai senza voce un sussurrato 'M....amma... sei tu?....' naturalmente era lei, e mi dovetti subire, come immaginavo una bella lavata di testa, ascoltandola in silenzio per piu di mezz'ora, dirmi che era stufa di sentire certe porcherie, che era stufa di assecondarmi in tutte le porcate che facevo, che era stufa di qua e stufa di la. aveva tutte le ragioni di questo mondo non lo nego, ma... invece di riflettere su quello che mi stava dicendo, mi ritrovai con la manina dalle unghie smaltate, a masturbarmi, segandomi mentre Mamma parlava, ripetendomi ciò che aveva dovuto ascoltare da quel ragazzo quella stessa notte. riusci' pure a sborrare spruzzando silenziosamente a terra, mentre lei continuava a blaterare. aveva proprio Ragione sia lei che Rudy alla fine, ero proprio una Gran Puttana, e lo avevo dimostrato in piu occasioni, e quella non faceva eccezione. era la mia natura, che potevo farci? mi dispiaceva che facessi disperare mia Madre, ma allo stesso tempo, mi eccitava tantissimo che lei sapesse quello che combinavo. forse ero malata di testa, ma le cose stavano proprio cosi', e non potevo farci nulla. mi piaceva fare la Troia,prender cazzi era la mia ragione di vita, sentirli svuotare dentro e addosso a me, mi faceva impazzire, e sentirmi chiamare Puttana, Troia, Vaccona schifosa, mi mandava fuori di testa. alla fine della telefonata, Mamma disse che ne aveva sopportate abbastanza, e che d'ora in avanti guai a me se l'avessi ancora disturbata. potevo farmi fare quel che volevo da qualsiasi uomo per lei, ma che la cosa riguardava solo me non piu lei. chiusa la telefonata anche in modo abbastanza brusco, per consolarmi optai di masturbarmi nuovamente, e sbrodolare una seconda volta a terra sul pavimento del salotto. d'ora in avanti, sarei andata avanti da sola senza piu la complicità di Mia Madre, ma questo non mi avrebbe certo fermata, e già pensavo, che nel pomeriggio, potevo far visita a qul resto dei neri che non mi avevano fatto visita ieri notte, i miei splendidi vicini di casa neri.
Visualizzazioni: 6 874 Aggiunto: 4 anni fa Utente: