Sesso amatoriale in toilet pubblica

  • Aggiunto: Durata: 2:49 Caricato da:
  • Visto: 7822
Avatar di Mike Stato di Mike

Video coppia di esibizionisti - non potete assolutamente perdervi questa clip porno amatoriale girata da una giovane coppia di fidanzati mentre scopano in un luogo pubblico; il ragazzo filma la bella gnocca mentre gli spompina il cazzo e se lo prende nella fighetta bagnata a pecora.

Commenti (10) Mostra commenti
Anonimo
Questo campo è richiesto
Grazie! Il commento comparirà a breve !
Si è verificato un errore, contatta il supporto tecnico
Anonymous
blaise 07 January, 2010

Fantasticando un pò:....... Non si può sempre lavorare… ;) Finalmente dopo innumerevoli tentativi, riesci a trovarmi al cell…. Una cartella esattoriale che sta per scadere…dimenticata nel solito cassettino del mobiletto che sta all’ingresso… “…Eccoti finalmente!...Se non mi risolvi questa situazione tra un paio di giorni sarò costretta a pagare anche gli interessi di mora!...”…Io, scherzandoci su, giusto per stuzzicarti:… “… Dovrai sborsare la bellezza di cinquanta euro, soltanto per avermi telefonato, …:) …” …E subito nella tua testa un pensiero, che ribadisci a te stessa brontolando subito dopo avere riattaccato il telefono:… (“se sapesse come mi sta l’ultima coulotte che ho comprato, sono sicura che sarebbe lui a darmi cinquanta euro, …solo per avergli fatto il piacere di chiamarlo”) …Sorridi alla battuta che hai pensato e ti metti davanti alla tv in trepidante attesa. Quando squilla il campanello ti precipiti di slancio a guardare chi è. Nel video citofono mi vedi… casual, ma elegante, con una giacca di velluto marrone scuro su una camicia bianco-panna … “…Sono io!...Mi apri? …”… …Certo l’urgenza,…la cartella…Fatto sta che prima di aprire la porta d’ingresso, ti aggiusti un po’ la camicetta che indossi sopra ai mini short aderenti da casa e …Noto che devo averti fatto una buona impressione… …Tornato da una breve vacanza in Sicilia sono abbronzato e i miei occhi chiari danno il meglio di se… …Ti fisso intensamente prima di salutarti…l’intento è quello di penetrarti l’anima,… poi, con voce calda:… “Come stai???”… Il tuo sorriso mi incoraggia e sollevo lentamente una mano per accarezzarti il volto:… “…Allora, questa cartella!?? …” e per stuzzicarti, mentre mi giri intorno per chiuderti la porta alle spalle:… “Complimenti alla mamma!” … …Seguo i tuoi movimenti con la coda dell’occhio…Ho la sensazione che tu mi sorrida mentre sei alle mie spalle e, in qualche modo ne ho la conferma, quando passandomi davanti mi rivolgi una sguardo civettuolo, che io ricambio lasciandoti intendere che la cosa mi lusinga… Ti seguo con lo sguardo mentre mi ripassi davanti per farmi strada, verso la stanza dove hai quasi “apparecchiato” il documento che vuoi sottoporre alla mia attenzione… La tua camminata davanti a me è sensuale …sculetti ma in maniera elegante e curando la postura (testa dritta e culo in fuori)… Tra me e me penso:…menomale che indossi un paio di infradito rasoterra, …se in questo momento avessi ai piedi un paio di sandalini alla schiava con il tacco, me lo faresti esplodere nelle mutande…Tu giri il capo per guardarmi ancora una volta e io sorrido e chissà se per una qualche forma di telepatia sei riuscita a leggermi nel pensiero… e chissà se mentre continui a camminarmi davanti e a muoverti leggera e sinuosa, avverti il mio sguardo sul tuo corpo? … Finalmente apri la porta del tinello e mi mostri le carte sparpagliate sul tavolo. Per un attimo mi distraggo dai miei pensieri, ma con un gesto istintivo mi massaggio la patta bella gonfia, …Hai sortito l’effetto voluto, penso, anche senza tacco vertiginoso. Mi metto al lavoro e tu ti appoggi con le due mani sul tavolo, proprio di fronte a me…Mi sento osservato mentre, senza distogliere lo sguardo dai documenti, estraggo dalla tasca interna della giacca la mia stilo per sottolineare alcuni dati che mi saltano subito agli occhi…La richiudo e lentamente la ripongo nella tasca e contemporaneamente sollevo lo sguardo verso di te…e con voce calma:… “…Non preoccuparti per quella cartella! …Domani mattina me ne occupo io! …” … Mi alzo e ti raggiungo sul tuo lato del tavolo mentre tu riacquisti la posizione eretta… Ora il tuo volto e meno preoccupato e vorresti che ti prendessi… Nel frattempo il mio sguardo precede di pochi istanti la carezza della mia mano lungo il collo…sulla scollatura…, Decido di sganciare un paio di bottoni della camicetta per continuare la mia carezza e perché ho voglia di guardare le tue tette semi coperte dalla stoffa…La mia mano accarezza il tuo seno…mentre l’altra prendendoti per un fianco ti guida verso di me …pochi istanti, e poi un bacio …un bacio profondo…Mi stacco e tu compiaciuta ti ravvivi un po’ i capelli sfoderando uno splendido sorriso…Poi sorniona, mi chiedi se gradisco qualcosa di fresco…o se, al contrario, preferisco qualcosa di caldo… …La solita “birichina”, penso …che merita la giusta risposta:… “…di caldo c’è ne abbastanza, ma se quello che mi offri di caldo, è quello che penso io, allora favorisco volentieri…”. …Tu, femmina e provocatrice, con una voce da angioletto:… “…Cosa pensi tu??? …”… …Guardandoti negli occhi e stringendo un po’ la presa sul tuo fianco:… “…di caldo prenderei te…”, (diventi un lago fra le cosce, senti che la coulotte e gli short si stanno infradiciando con gli umori che colano copiosi dalla tua fessurina in fiamme)…Sorridi di nuovo maliziosa, mentre io avvertendo i tuoi feromoni che si spargono nell’ambiente immediatamente circostante, mi massaggio di nuovo il pacco, sul quale si posa il tuo sguardo e non riesci a distoglierlo, tanto lo vedi grosso e gonfio. Mi avvicino, il mio sguardo è talmente intenso che sembra quasi attraversarti, …a mezzo metro da te sembro esitare, ma sto solo aspettando che rilassi lo sguardo altrettanto intenso che mi stai rivolgendo guardandomi direttamente negli occhi, …lo trasformi nello sguardo da gattina in calore e, con un balzo, guadagno la distanza che ci separa ed unisco il mio corpo al tuo. Mi stringo a te aiutandomi con le braccia che ti cingono all’altezza dei fianchi, una mano scivola più bassa e si poggia su una natica, senti le tue tette comprimersi contro i miei pettorali, … il mio pacco duro e gonfio si schiaccia contro il tuo basso ventre, il contatto fisico aumenta la mia voglia (…e la tua, tesoro??? … i tuoi ormoni sono come impazziti per l’eccitazione, il tuo corpo si sta sciogliendo, liquefacendosi sotto forma di umori vaginali che secerne copiosi …)… Alzi la testa per continuare a guardarmi negli occhi e io ricambio con desiderio quello sguardo, poi, avvicino la mia bocca alla tua e faccio in moda da unire le nostre labbra, la mia lingua fa capolino all’interno della tua bocca, per cercare la tua, per sentire il suo sapore, per aggrovigliarsi e farsi aggrovigliare, … mentre le mie mani stringono entrambe le tue natiche con forza. Il mio cazzo preme con maggior vigore contro il tuo ventre, tanto che ne riesci ad avvertire la lunghezza e la consistenza, muovo i fianchi lentamente per strusciartelo addosso e fartelo sentire bene, mentre la mia lingua abbandona la tua calda bocca e, senza tornare a posto, segue la mia faccia che si sposta verso il basso, sul collo e dietro l’orecchio, dando inizio ad una lunga ed incessante leccata sulla tua pelle bollente… la bacio e la mordo dolcemente, le mie narici sono pregne del tuo odore di femmina infoiata, finalmente le tue mani si decidono ed abbandonano la posizione inerme lungo i fianchi, salgono e si insinuano sotto la giacca per sfilarmela e subito cominciano a sbottonare la camicia, con i palmi accarezzano la pelle del mio torace e palpano la dura consistenza dei pettorali…. Anche le mie si intrufolano sotto le tue vesti e comincio a spogliarti senza mai smettere di accarezzarti…e con le dita ti stringo un po’ i capezzoli, mentre le tue adesso si insinuano dentro al cinto dei miei pantaloni…Sento che li stai slacciando, ma l’aderenza dei nostri corpi non permette loro di cadere, così devi essere tu a tirarli verso il basso … Le mie intanto ti abbassano gli short, senza neanche curarsi di slacciare il bottone davanti, scivolano sulla pelle calda e quando superano i fianchi tornano a prendere anche l’elastico dell’intimo per abbassartelo…Short e mutande cadono attorno alle caviglie, lasciando nuda la tua parte più preziosa, sollevi i piedi per sfilare i pantaloncini e li allontani con un calcio, mentre le mie mani tornano a palpare con foga la nudità del tuo culetto sodo, una si fa più intraprendente e scivola più in basso, ti accarezza il solco “rovente” fra le natiche con un dito, una lieve scarica ti attraversa il corpo quando supera l’ano, e ti sento emettere un gemito quando raggiunge il perineo e lo preme, massaggiandolo con forza, mentre il mio dito vi scorre sopra, perfettamente lubrificato dai copiosi umori che continui a secernere(…cominci a sfregarti sulla sedia, vero fede???....Ho voglia di scoparti!!!...). I miei gesti diventano più frenetici;… completamente rapito dalla libidine ed in preda ad una sfrenata eccitazione, ti scosto di colpo e ti gira con la faccia alla parete che si trova di fianco a noi;… in una frazione di secondo avverti il rumore dei pantaloni sul pavimento, ti prendo per i fianchi e ti tiro a me, facendo in modo che tu ti debba appoggiare alla parete e porgermi le terga, (…così!...Proprio come voglio io! …) e, senti il grosso glande che ti allarga le piccole labbra e con facilità risale la vagina fino a toccarti l’utero, …Emetti un lungo gemito di piacere, sentendoti completamente riempita dal mio grosso cazzo, avvolto strettamente dal calore delle tue sensibili e ben lubrificate pareti. …Sistemo la mia posizione e poi comincio a pompare con foga, …i tuoi gemiti si tramutano subito in gridolini di godimento, una manciata di minuti e comincio a grugnire, un calore fluido ti riempie a fiotti la vagina ed innesca il tuo fragoroso e bramato orgasmo, il ventre ti si contrae impazzito facendoti urlare a squarciagola tutto il piacere che stai provando. Mi ritraggo lasciandoti la vagina ancora ben dilatata e lascio che il mio seme coli fuori, riversandosi in un copioso rivolo che ti solletica l’interno della gamba destra… In meno di dieci minuti abbiamo consumato il primo bramato amplesso, ma la mia voglia non è ancora appagata…(…e scommetto anche la tua! …)…Per cui ti giro verso di me lui e la mia mano destra ti prende dietro la nuca, ti tiro a me…il tempo di un bacio e con una spinta lieve, cerco di spingerti in ginocchio, … “Vieni troia… succhiamelo!”, ti dico con voce dura e tu assecondi la mia labile spinta e ti inginocchi sul pavimento sporco, dinanzi al carnoso scettro, ancora semi eretto e gocciolante, completamente intriso dai tuoi umori che lo rendono lucido fino ai peli pubici, …Ti guardo e osservo i tuoi gesti mentre me lo impugni alla base con la tua manina, che si sporca subito con i tuoi fluidi umori, e mentre spalanchi la bocca e lo accogli succhiando ed ingoiando le ultime gocce di sperma (…chiudi gli occhi e pensa al sapore del mio cazzo, tesoro!!! …)…. ti osservo ancora mentre me lo ripulisci con cura lavorando di lingua e succhiando con forza, approfittando dello stato di semi erezione per ficcartelo in gola ed arrivare con il naso ad annusare quanto più vicino al pube, soffocandoti da sola, …Ti lascio assaporare questo momento e mi godo il tuo massaggio sulle palle, ancora piene dentro allo scroto rilassato, …Ti lascio ancora fare e tu lo estrai dalla bocca e lo masturbi con forza, mentre nel tuo pugno riprende il marmoreo turgore di poco prima, … “…brava! Così…” e piegandomi leggermente comincio a palparti a piene mani le tette, con tanto di forti pizzichi ai capezzoli, duri e dritti come due bulloni. Più infoiato di prima ti spinge di nuovo in piedi tirandoti per un braccio, infilo di nuovo con forza la lingua nella tua bocca, mentre la mia mano ti fruga fra le grandi labbra e afferra con due dita il clitoride, gonfio come un piccolo pene, lo tira verso il basso malgrado mi sfugga tanto è intriso dai tuoi umori. Una nuova scarica elettrica ti attraversa mentre continuo a stimolarti il clitoride, poi faccio scorrere le mani lungo i tuoi fianchi, risalgo fin sotto le ascelle e di peso ti prende in braccio, spalanchi le cosce e mi cingi ai fianchi con le gambe, mi butti le braccia al collo, forzi con i gomiti sulle mie spalle per tirarti verso l’alto, aiutata dalle mie mani che ti tengono sotto le natiche. Strusci la tua passerina fradicia e completamente schiusa, su tutta la lunghezza della mia verga dura, fino a quando senti il glande insinuarsi di nuovo fra le tue intime labbra e trovare subito la tua apertura, pronta e vogliosa, quindi, allentando la tensione della mia presa ti faccio scendere di nuovo con calma, impalandoti sul bastone che ti riempie di nuovo. Gemi avvinghiata in braccio a me, piena del mio cazzo, ti tengo sotto le natiche, le allargo ed con un dito cerco il tuo pertugio posteriore, lo accarezzo con movimento circolare e premo facendovi capolino, aiutato dalla tua rilassatezza, una lunga scarica ti attraversa di nuovo, mentre il dito si insinua nel tuo intestino fino alla nocca. Continuo a tenerti in braccio, impalata sul mio cazzo come fossi un fuscello, mi senti mentre mi muovo sulle gambe per sfilarmi le scarpe e i pantaloni, e nel frattempo ti godi la doppia penetrazione gemendo. Armeggio a lungo, ma alla fine riesco a liberarmi, attraverso la stanza e mi inginocchio sul pavimento nei pressi del divano ad angolo davanti al caminetto, ti spingo ad appoggiare la schiena sulla seduta, costringendoti a mollare la presa di braccia attorno al mio collo, e mentre ti abbandoni lasciva nella posizione in cui voglio metterti, senti il dito nell’ano che ruota per far trovare alla mano una posizione naturale, senza uscire dal tuo intestino. Con l’altra mano ti martoria un capezzolo, lo stringo e lo tiro, ti fa male, ma è un dolore eccitante che ti stimola gridolini di piacere mentre vibro forti colpi di anca e ti scopo con foga. Improvvisamente mi ritraggo, mi chino a morderti entrambi i capezzoli e scendo verso il basso strusciandoti la lingua sul ventre, impugno entrambe le tue caviglie e tiro le gambe verso l’alto, fino a schiacciarti le tette con le ginocchia e mi tuffo nel tuo fiorellino schiuso a leccare, ti succhio il clitoride, lo mordo dolcemente, ti penetro la vagina e l’ano con la lingua, ti faccio impazzire, poi torno a stimolare il clitoride, con entrambe le mani infilo dita in entrambi i tuoi vogliosi pertugi, “…Godi porka!!!...”. Non ti do tempo neanche di riprenderti, mi alzo di scatto e lo pianto di nuovo nella tua fradicia vagina, impugno di nuovo le caviglie e ti stringo le gambe, appoggiandomi i polpacci sulla spalla sinistra, ti sbatto con incredibile foga e veemenza, per farti godere ancora una volta e per farti urlare, …ti senti squassare il ventre a colpi di maglio, e io sento le pareti vaginali che ti si contraggono attorno alla mia mazza di carne (…Stai godendo come una pazza, vero???...) … e tiri un sospiro di sollievo quando te lo sfilo di colpo e ti spalanca di nuovo le gambe, …ti struscio il glande sul clitoride, poi mi ritraggo ed aiutandomi con la mano lo appoggio al forellino posteriore, …Spingo con forza ed il tuo sfintere cede di schianto, sei molto lubrificata e rilassata dai due orgasmi in sequenza, la verga risale il tuo intestino fino alla radice e, malgrado tutto, senti un dolore iniziale che dopo un po’ comincia a scemare ed a trasformarsi in piacere. Io continuo a sodomizzarti con lenti e profondi affondi, mi sto godendo la strettezza del tuo culetto, mentre con entrambe le mani continuo a lavorarmi la passera, infilando almeno un paio di dita dentro alla vagina, mentre ti stimolo di nuovo il clitoride pizzicandolo e tirandolo. …“Ti piace essere inculata troia?”, ti chiedo con la voce rotta dall’eccitazione, tu non rispondi, d’altronde i tuoi gemiti di piacere sono già fin troppo eloquenti. Ti senti impalata come un pollo allo spiedo dal mio randello, grazie alle mie dita conficcate a fondo nella passera, avverti distintamente il sottile strato di pelle che separa l’intestino e la vagina. Godi di nuovo, urli ancora tutto il tuo piacere, un orgasmo ancora più intenso dei precedenti, la tua figa si contrae all’inverosimile attorno alle mie dita e, quando le sfilo, schizza umori bianchi e filamentosi che finiscono appena sopra al mio pube, …una sborrata in piena regola. …l a cosa mi eccita, vibro ancora qualche profondo colpo nelle tue viscere, poi te lo sfilo e abbasso le tue gambe e te lo infilo in bocca riversandoti in gola una copiosa sborrata… “…Uhmmmm…sìììì!!! … Ingoia! …Ingoialo tutto!!! …” …te lo lascio in bocca a lungo e quando mi ritraggo te lo passo su tutto il viso, guardando la tua espressione di appagamento totale, soddisfatto della mia troia…

Anonymous
liberonelcuore 20 September, 2009

Permettetemi gentili signori e gentilissime signore di esprimere un doveroso commento su questo video, il più bello che abbia mai visto, peccato troppo breve. Lei è la protagonista indiscussa, lui una comparsa, molto fortunato. Che bella! Una modella non sarebbe da meno. Beatissimo lui. Non ho mai invidiato nessuno ma sinceramente mi sarei voluto trovare al suo posto. Non trovo le parole per dire quanto è stupenda...

Anonymous
CHENCHENISE 06 December, 2007

bel video! mi ricorda le scopate fatte nella toiletta della funicolare di napoli con la mia molto porca ex!!!

Anonymous
blakdevil 08 July, 2007

mi piacerebbe blakdevil.giorgio@gmail.com

Anonymous
antonio di bergamo 03 July, 2007

beeeellooo....molto bello il video...una dei più belli degli ultimi tempi...bravo mike!!

Anonymous
doraemon 03 July, 2007

da un pò di giorni seguo i vostri commenti e mi fanno morire quelli di lorelai, ricciolina e fabrizia31 ho 39 anni pensavo di essere avanti con il sesso mi rendo conto che sebbene padre di due figli sono troppo tradizionalista vi prego fatemi trasgredire

Anonymous
doraemon 03 July, 2007

sera a tutti io sono l'ultimo arrivato

Anonymous
mikes5 03 July, 2007

x lorelai, sai ero seduto in un compartimento da solo, nella stazione di Bari, entra questa ragazza, giovane, io sono sui 40 lei forse 15 meno di me, chiude le tendine e mi chiede di massaggiarle la schiena... poi per farmi lavorare meglio si toglie anche il reggiseno, tanto non gli serviva tanto stavano su da sole, per cominciare gli ho leccato la figa con lei seduta ed io inginocchiato per terra... mentre c'era gente nei compartimenti a fianco e un certo traffico nel corridoio... e infatti mi diceva che si sforzava per non urlare...

Anonymous
doctor 03 July, 2007

Salve a tutti, sono nuovo, ho scoperto questo blog bazzicando un po' nella rete e così dopo aver visto quanta vita lo anima ho deciso di iscrivermi. Spero di stringere confidenza con qualche bella fanciulla (i maschioni non sono proprio il mio tipo) qui presente. Ah, complimenti al video. ^^

Anonymous
lucifer_979 03 July, 2007

X LORELAI hie ti stiamo aspettando...