Figlio ricatta la madre e si fa fare un pompino da lei

  • Aggiunto: Durata: 6:20 Caricato da:
  • Visto: 108706
Avatar di Mike Stato di Mike

Il figlio rientra a casa di notte con la videocamera accesa e becca la madre zoccola che fa un pompino all'amante mentre il padre è fuori per lavoro, così, ricatta la madre e si fa fare una pompa da lei con sborrata in faccia

Commenti (10) Mostra commenti
Anonimo
Questo campo è richiesto
Grazie! Il commento comparirà a breve !
Si è verificato un errore, contatta il supporto tecnico
Anonymous
Anonimo 24 May, 2017

Non vefo niente fammi vedere ssono maggiorennr

Anonymous
Anonimo 23 May, 2017

Nome dell'attrice?

Anonymous
Anonimo 08 May, 2017

Eh no cara mamma, adesso toccava a me; che cosce, che carne, liscia, bianca, calda; che notte , indimenticabile sull'ampio letto, il mio "affare", lungo e grosso, durissimo, come non mai, libero senza protezione su tutto il suo corpo nudo e la sua bocca; ehi! quella donna era mia madre, finalmente! Chiudo e non scrivo più, grazie dell'ospitalità.

Anonymous
Anonimo 01 May, 2017

Con mamma miravo sempre alla fica, pensavo che in bocca non l'avrebbe mai preso; i sogni che mi facevano venire, e mamma era lì accanto a me, riguardavano sempre la scopata con lei supina, sotto di me e io che glielo mettevo e le sburravo dentro; che rabbia quando realizzavo che si era trattato di un sogno! Di giorno non pensavo altro che a lei, ossessionato dalla idea di farle fare un fratellino! Però mi facevo sempre più audace e lei veniva a letto senza le mutandine e prima di addormentarci mi faceva godere un bel po' del suo meraviglioso corpo, petto, seno e il bel culone al quale mi era permesso di appoggiarmi, in erezione si badi bene, a mio piacimento(e al suo) anche nel cuore della notte, semmai mi mandava via se esageravo. Ma io mi svegliavo, le tiravo su la camicia da notte e mi abbassavo il pigiama, tanto lei "dormiva" ; ogni volta qualcosa di più ... ma non ci speravo tanto; c'era il limite invalicabile del pericolo di gravidanza(e questo l'avevo capito, sapevo che mamma era in fondo una poco di buono che godeva nel sentire il cazzone del figlio; gliela avrebbe data, eccome!, ma aveva paura); i miei compagni di scuola mi trovavano smunto, con le occhiaie; mi canzonavano, "troppo seghe"! Ma poi cambiammo casa e ci fu la svolta, in mio favore ... eravamo soli adesso, nell'appartamentino in periferia e mamma, ancora giovanissima e bonissima(scompiglio tra i maschi del vicinato, come nella vecchia casa!), continuava nel suo nudismo ed io che continuavo con i miei sogni proibiti!

Anonymous
Anonimo 27 April, 2017

La prima giunzione carnale vera e propria con mamma, cioè nudi tutti e due nel lettone, la penetrazione totale e l'eiaculazione dello sperma, dentro questa volta, senza protezione, lei in età pienamente fertile !, non fu cosa semplice; dopotutto mamma era una donna rispettabile; aveva si un figlio non sposata, era l'amante di mio padre, ma aveva un impiego, non era una donnaccia qualunque che si scopava il figlio giovanotto. Tutto avvenne nella rispettabilità, persino con qualche sua ben giocata ritrosia; quando, con il suo assenso, guardandomi fisso negli occhi, un lieve sorriso sulle sue labbra, le fui dentro, finalmente!, fra le meravigliose cosce, la bella vagina ancora nereggiante di peli, poco più di un paio di minuti, tanta era la mia passione, non diede in escandescenze e in seguito fu sempre molto riservata, e prudente, ma che il mio "affare", bello, grosso, dritto, duro e giovanissimo l'attraeva prepotentemente l'avevo capito già a 15 anni, dormivamo insieme!, e io mi sognavo che un giorno glielo avrei messo dentro, magari facendole fare un figlio( fantasie adolescenziali molto diffuse). Chissà come l'aveva messa con mio padre che sospettava da anni la tresca, prima "strisciante", poi esplosa nell'appagamento del nostro reciproco inarrestabile desiderio. Poi mamma cominciò ad essere gelosa, gelosissima, soprattutto a livello di sesso, aveva però superato i 45. Disprezzava mia moglie, scarsa a letto; "con me certi problemi non li hai mai avuti!", arrivava a rinfacciarmi.

Anonymous
Anonimo 13 April, 2017

Prima di andare a letto mamma faceva il giro della casa; soli in casa, io 19 anni, lei 41, l'aspettavo e mi feci trovare una volta con gli slip abbassati. Non disse e non fece niente, ma io la notte l'andai a cercare e le schizzai il seme in mezzo alle cosce da dietro dopo averle fatto un prolungato, sfacciato, piacevolissimo, eccitantissimo, anche per lei, su e giù; che godimento in mezzo a quelle cosce!; lei fece finta di dormire, ma dovette essere un bello schoc. Poi in seguito, era estate, cominciai a leccarla sulle mutandine e direttamente fra i peli della fica se era a letto senza. I nostri preliminari; finimmo a scopare sul lettone, spesso senza protezione; grazie mamma, fu pericoloso e bellissimo!

Anonymous
Anonimo 05 April, 2017

Nell'appartamentino, nuovo nuovo, in periferia dove mio padre aveva sistemato mamma e me, avremmo dovuto dormire finalmente(!) separati ; però mamma, furbescamente e sempre torbida(amava in me non il figlio, ma il suo bel cazzone), si lamentava per il freddo e quindi mio padre diede l'assenso per il lettone ancora in comune e quindi a dormire appiccicati come prima, io sul fondoschiena di mamma, oppure quasi sopra di lei, e il mio in erezione perpetua fino agli orgasmi una notte si una notte no. La prima notte capii che la via per arrivare alla scopata con mamma era ancora tutta in salita e tornai a dormire per mio conto, piuttosto inc... per l'inutile perdita di seme. L'estate seguente, mamma seminuda per casa, partii alla caccia della mia donna e dopo poche battute notturne, e diurne, con esibizioni del mio apparato in erezione, irresistibile per lei questa volta, riprendemmo a condividere il lettone, però come marito e moglie, all'insaputa di mio padre.

Anonymous
Anonimo 04 April, 2017

Anonimo del 3 aprile, mamma era una donna calda e propensa alla trasgressione; a 14 anni io avevo messo su un "apparato" di tutto rispetto; dormivamo insieme e lei si compiaceva di sentirlo indurito e di farmi venire. Ma doveva stare attenta a mio padre, il suo amante. Comunque, anche se abbastanza puttana, mamma, piuttosto riservata, lavorava, non era una mantenuta. Aveva quel debole... ; da casa era andata via a 18 anni; in famiglia doveva avere rimediato il suo primo cazzone, forse il padre o un fratello, con probabili guai, era troppo bella e appetitosa!. Nell'intimità, parlando tra di noi, per anni, io capii molte cose del suo scabroso passato. Di una cosa le sono grato, gratissimo: a differenza dei miei amici io non mi sono mai masturbato; non ce n'erano il tempo e la ragione!

Anonymous
Anonimo 04 April, 2017

Ho dormito nel lettone con mamma fino ai miei 18 anni, lei 39. Veniva a letto senza mutandine. Sesso dai miei 14, una sola penetrazione, non protetta e orgasmo, con il "mio" durissimo, 18 anni, da dietro; lei, che fingeva di dormire, non la dimenticò mai, non sto a dire perché. Nella nuova casa, dove mio padre, il suo amante, veniva raramente, eccitato al massimo partivo di notte all'assalto con il mio cazzone di quel bellissimo corpo ; qualche resistenza, paura di gravidanze(mamma ne doveva avere avute diverse; io stesso avevo rischiato molto), ma poi la ebbi, lei 41 anni, intatta nel fisico, fino ai miei 23 anni; dormivamo come marito e moglie. In seguito lei, molto calda, avrebbe voluto ancora, ma io avevo altre donne.

Anonymous
Anonimo 03 April, 2017

Manda il numero di tua madre